top of page

Negozio Magico - Progetto Istituzioni Scolastiche

Aggiornamento: 29 ott 2023


E' possibile attraverso un gioco, cioè una attività ludica, promuovere in ragazzini, ragazzi e giovani la acquisizione di importanti abilità di vita, dette in gergo life skills?


E' una scommessa, certamente, e come tutte le scommesse non ha certezza di trovare riscontro. Ma le sperimentazioni fatte in diverse città di Italia qualche buona e positiva indicazione la forniscono.


I risultati attesi sono rilevanti.


Il primo è il mantenimento e il potenziamento di una elevata “Motivazione all’investimento”, frutto del piacere nel fare attività stimolanti, coinvolgenti, per nulla minacciose, che consentono di esprimere e articolare il proprio punto di vista rispetto alla vita e confrontarlo con quello dei coetanei, senza l’intervento costante di un adulto che cerca normalmente di canalizzare il pensiero in modo coerente con il proprio.


Il secondo risultato atteso, è l’elevato livello di partecipazione alle attività proposte. Il che non è scontato che sia così, visti i commenti che spesso vengono raccolti negli spazi informali in merito a quanto viene proposto con progetti di varia natura.


Il terzo risultato atteso, è l’aumento di energia selettiva investita nelle attività didattiche. Parliamo di energia selettiva perché quando una persona impara a scegliere e a definire i proprio scopi, potrebbe anche decidere e scegliere di puntare maggiormente su alcune discipline e meno in altre di minore interesse.


Il quarto risultato atteso è la diminuzione di dinamiche negative infragruppo e intergruppo, anche senza un intervento diretto adulto in questa direzione, ma come funzione latente. Il presupposto è che quando una persona “nella pratica” (e non nei sermoni degli adulti), si immedesima in altri per aiutarli a perseguire i propri obiettivi, automaticamente aumenta la propria attenzione positiva nei confronti degli altri.


Il quinto risultato atteso è il forte potenziamento della peer education, cioè della capacità e possibilità del gruppo di svolgere una funzione auto educante, come del resto accadeva naturalmente molti anni fa nei contesti di aggregazione naturale non strutturata, come Oratori, Campi e Strade, Case del Popolo ed altro.


Interessante, molto interessante. Lo vedremo meglio nelle interviste sulle sperimentazioni fatte in Italia.

34 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Kommentare


bottom of page